Padre Magni

Domande fattemi da Padre Magni

Lunedì dell’angelo 21/4 /2003

Mi puoi dire perché il fotone prende il corpo virtuale insito in noi?

Il fotone è un principio attivo di luce ed è la conquista della scienza perché sa che la luce deriva da lui. Quando il vostro corpo di luce uscirà dalla vostra carne terrena, egli incontrerà proprio quella qualità di luce che è insita in ogni anima. Dio è risorto nel suo corpo di luce mandando nel cielo la sua luminosità e questo corpo è già in voi come un’unità di luce.

Il corpo di luce si forma dando al suo aspetto la stessa fisionomia terrena. La scienza dovrebbe studiare ogni forma che porta conoscenze del nostro mondo.

Non si può quantificare un fotone perché in mezzo al fotone esiste il protone che forma anche lui il corpo di luce. Il protone è l’anima del fotone e come tale riesce a configurare il fotone. Ecco perché il fotone può immagazzinare il vostro corpo astrale, senza il protone non potrebbe.

Il tentativo che noi oggi facciamo per capire l’origine del corpo organico parte dalla parola creatrice cioè il logos e si attua nella prima opera della creazione che è la luce la parola creatrice che crea l’anima ad immagine di Dio è il corpo di luce ovvero fotonico dovrebbero essere il punto di partenza di tutto il nostro discorso intorno all’uomo, discorso di un corpo che è ancora virtuale e che si rende reale cioè osservabile ad incominciare dal genoma è per questo secondo noi che il genoma ha un potere quasi divino che è quello di costruire un corpo organico a cominciare dal concepimento sino alla nascita del bimbo. Chiedo se quest’ipotesi di ricerca si avvicina al vero?

Non sei tu che devi rispondere, ma noi, pensa a scrivere.

Il genoma è virtualmente già in voi.  Questo virtuale voi non lo comprendete ancora perché avendo un corpo materiale, non vi soffermate a comprendere che il genoma è parte del corpo virtuale, quel corpo che deve lasciare l’impronta dell’eterno per farvi risorgere a vita nuova. Quando il corpo fotonico prenderà corpo in voi con tutta la vostra mente astrale, voi avrete l’unità della conoscenza diretta in Dio.  Dio è nato in voi e aspetta che voi lo comprendiate. Non c’è bisogno del corpo fotonico se voi avreste capito il suo mistero, ma non avendolo capito Dio vi ha dovuto dare questo corpo che si tramuterà in luce e per luce intendo proprio luce sia visibile sia invisibile al vostro sguardo. Nella luce c’è, esiste il nostro mondo che è fotonico e perciò molto pensante ed eterno. Non è quantificando i fotoni che voi potrete capire il corpo di luce ma solo quantificando il vostro pensiero in lui. Il pensiero è universale e porto alla vostra mente tutto ciò che verrà e che è stato, un domani sarà così. Ora voi siete su onde medie corte e non potete ancora comprendere che queste vanno ancora scandagliate, perché non sono ancora udibili al vostro orecchio, ma verrà il giorno che questo succederà e allora potrete tutti udire il nostro pensiero. La fisica deve ancora comprendere che ai loro occhi esiste un mondo che non è ancora visibile perché si confonde nella luce ed è perciò che la luce ci avvolge. Per vederci non siete ancora pronti.

Il protone è oggetto di studio per voi, ma non è ancora formato dentro di voi. Esiste un protone che voi non conoscete ancora. Quando dico protone, intendo protone che è la massa della luce. Quando un protone prende forma in voi, avrete la conoscenza della massa celeste che è una forma di conquista per voi poiché avrete visto Dio. Lui è luce e come tale porta luce ed è avvolto in tutti i protoni e neutroni e così via.

Secondo il nostro punto di vista, il corpo virtuale animato dallo spirito dopo avere costruito il corpo organico per il tempo della vita terrena depone il medesimo corpo organico nella terra e in questa deposizione del corpo organico e dell’emersione del corpo fotonico avverrebbe quello che noi consideriamo la resurrezione a cominciare dalla resurrezione di Cristo.

Nel contesto del vostro corpo terreno esiste il corpo virtuale ed è questa la differenza che fa di voi degli uomini e delle anime. Dio ha istituito dentro di voi il corpo di luce.

  Gesù è risorto con corpo virtuale e ha impresso nel lenzuolo la sua Luce e la Sindone n’è partecipe. Quando voi avrete perso la vostra materia terrena, risorgerete come ha fatto Gesù, per questo è morto. Il vostro corpo è solo un contenitore e come tale non interesserà più dopo la vostra morte, che noi chiamiamo passaggio. Voi ritornerete a essere veramente anime di Dio perché sarete vestite di luce. Una luce indiretta perché Dio è risorto per voi ed è all’ultimo cielo, voi avrete un filtro di luce prima di diventare vera luce. La luce è il nostro elemento e come tali noi siamo e non potete vederci. La nostra vita si evolve, dove esiste il canto degli angeli e noi ci beiamo di Dio che c’elargisce la possibilità di vivere eternamente in lui. Siamo luce e tutto attorno a noi è luce non posso quantificarvi la luce perché è indirettamente parte di voi, poi diventerà parte di noi e perciò universale. La madre celeste impera su noi. Tu scrivi e non ti preoccupare. Il fotone è veramente la luce vivente in cielo, ma dovete ancora capire il nuovo protone, che impedisce a voi di scoprire ulteriori cose nostre. Dovete prima capire la qualità dei nuovi protoni e immagazzinare in voi questo concetto di nuova filosofia che è emessa da onde che scoprirete e capirete che in cielo c’è l’universo pensante ed eterno. Noi viviamo e siamo vivi perché il nostro è il mondo dei vivi.

Il termine corpo tipo luce che secondo la nostra conoscenza dovrebbe essere a quattro o ulteriori dimensioni lo possiamo considerare corretto riconoscendo in esso come sua anima lo spirito mortale?

Il termine corpo di luce è correttissimo. Voi pensate che le vostre dimensioni siano quattro per noi sono molte di più. Conoscete solo una parte di queste dimensioni in voi, mentre vi possiamo affermare che sono otto dimensioni e formano una dimensione sola. La vostra dimensione è utile al nostro concetto ma, non potete quantificare la vostra stessa dimensione poiché fa parte di un’altra dimensione che si aggiunge a un’altra ancora e così via. Il nostro mondo si conosce salendo la scala dei valori che continua a essere la sola che voi potete conquistare. Non esiste perciò la dimensione mentale, ma la dimensione astrale che conferma le altre dimensioni, ecco che le vostre dimensioni sono per quattro mentre le nostre per otto. Il corpo di luce prende la sua anima e la porta nella sua dimensione ecco perché corpo di luce, perché in quest’evoluzione Dio prende corpo in voi come voi in Lui.

La resurrezione del corpo dopo le attuali conoscenze può essere considerata assomiglianza alla resurrezione di Gesù come deposito del corpo organico e liberazione del corpo tipo luce.

Il corpo tipo luce è un corpo di luce propria, individuale, però assomigliante al corpo virtuale di Gesù, perché in quel corpo esistono tutti i fotoni dell’universo e perciò tutti voi che siete insiti in Lui prima di tutti i tempi. Il corpo organico è solo un contenitore e come tale muore, trasformando il vostro corpo virtuale in corpo di luce. Gesù ha fatto così.

La vita umana dopo il fenomeno morte, quindi in anima e corpo tipo luce dovrà passare per una serie di purificazioni ascendenti dette nel nostro linguaggio purgatorio?

Sì è proprio così. Avrete la purificazione mentale e sarete sanati solo nella mente, l’inferno non sono le fiamme, ma è l’inferno mentale dove tutte le nefandezze saranno presenti in voi e vi tormenteranno finché non capirete i vostri sbagli. Dove risiede la vostra memoria, risiede il vostro io che è partecipe di quella parte d’anima che deve purificarsi alla fonte di Dio, perciò il vostro percorso sarà prima individuale e poi universale quando avrete finito la vostra purificazione. La mente deve tornare in sintonia con l’universo di Dio.

Quanto tempo ci vorrà ancora perché l’attuale umanità possa giungere all’intuizione del corpo di luce?

Ci vorrà ancora tanto tempo e ci vorranno ancora tanti anni prima che un protone possa darvi la via della nostra materia.

Quando capirete che i protoni sono fonte di vita perché ci danno l’energia per prendere contatto e fare, allora imparerete che la via del Signore è veramente illuminante e sarete vita. Noi siamo intorno a voi sempre perché la luce avvolge la parte della nostra anima che in terra era corpo, ora è luce. Secondo la fisica moderna l’atomo è composto di particelle esterne dette elettroni e particelle interne o nucleari con il nome di neutroni protoni. Ora i protoni nel momento in cui posti di fronte ad anti protoni si dissolvono in energia, quest’energia detta raggiante risulta composta secondo la teoria dei quanti in “quanti elementari” trattando dell’energia raggiante Einstein denomino il suo quantum elementare con il nome di fotone. Il nome deriva da foss,  fotos che vuol dire luce……

Mi sazierò

Mi sazierò di pane nero e raffermo per capire il concetto della povertà, mi addormenterò su giacigli di paglia per riposare nel sonno il mio pensiero, mi farò scortare nella tomba dei vivi per riportare indietro la mia anima attaccata alla vita primordiale e sarò pane vivo e fresco su cui poter cenare nella sala comune dell’eterno Padre.

Verità

Sepolcri imbiancati dentro corpi vuoti dove la conoscenza non miete, è come rincorrere la luna sperando che sia il sole, nessun corpo può risorgere alle vie di Dio se non comprende la sua resurrezione.

Corpo di luce

Il corpo dell’anima è impregnato d’ogni amore e come nelle favole culla il nostro andare, la polvere che solleverà il corpo mortale non basterà a cancellare il principio dell’essenza, che libera diventerà della sua forma, per prendere la sua strada nel corpo nuovo di luce

Cerco…l’Eden

Cerco un luogo che mi appartenga, un luogo dove gli Dei possano cullare le mie membra e sezionare con me i miei frutti non ancora maturi, e quando troverò la mia collocazione, la mia postazione nel luogo che mi appartenga, allora deporrò i miei sogni nel frutteto dell’Eden

….Già varcato

Coscienze morte senza comprendere che vomitare l’anima non porta frutti ed è distruggere nel nulla le verità che non avete custodito poiché la soglia della morte avete già varcato.

Mistero Arcano

La parola Creatrice fece breccia nel cuor degli ignudi e determinò la vita.

Il pensiero prese possesso della forma e insegnò il Mistero che si tramutò Amore.

Prese nelle sue braccia la forma antica donandole il Principio, nacque il  giorno e l’universo prese respiro nell’arcaica vita dell’umanità.

Or che la mente miete le meraviglie della Perfezione cerca le vie del suo infinito.

Le strade dell’arcano sono molteplici e vagano per i meandri della mente senza seguire l’atomo fuggente che diventa vivo nel tuo emisfero riconoscendoti Luce.